Dott.ssa Veronica Pacella
Crescita personale & Life Coaching

Qual è la differenza fra i fiori di Bach e i fiori Australiani?

Vediamo insieme qual è la differenza fra la floriterapia di Bach e quella Australiana.

Quale sia la differenza fra i fiori di Bach e i fiori Australiani è una delle domande che mi vengono rivolte più spesso. Per questo motivo ti parlo di 4 principali differenze fra la floriterapia di Bach e quella Australiana, chiarendo alcuni concetti importanti.

Fiori di Bach o fiori Australiani?

Le differenze fra i due sono abbastanza significative, vediamo insieme quali:

1) Il periodo storico in cui sono stati scoperti

I fiori di Bach sono stati scoperti dal dr. Edward Bach, padre della floriterapia, nei primi anni del ‘900. Le tematiche con cui il dr. Bach si relazionò furono quelle dell’età in cui le persone vivevano il periodo della rivoluzione industriale. Le tematiche emotive quindi sono in relazione a quelle dell’epoca, come: tristezza, solitudine, incertezza, ansia, fuga dalla realtà e altre (attuali ancora oggi) come autostima, sensi di colpa e vittimismo. I fiori Australiani invece sono stati scoperti alla fine degli anni ’80 dal dr. Ian White. Con quattro generazioni di erboristi alle spalle, Ian White decide si dedicarsi alla floriterapia dopo aver vissuto un periodo di profonda crisi a livello di salute e personale. Le essenze da lui scoperte lavorano su tematiche più attuali. Ad esempio: lo stress, le relazioni, l’autostima, l’adolescenza, la sessualità, i cambiamenti, la spiritualità e molte altre.

2) Il luogo di provenienza

I rimedi floriterapici sono “vibrazionali”, ciò vuol dire che la vibrazione del fiore è quella che va ad armonizzare l’emozione o lo stato d’animo in cui ci troviamo. Tanto più il luogo di provenienza ha un’energia vitale elevata, tanto più il rimedio floreale è vibrazionalmente potente. I fiori di Bach vengono preparati in Europa, mentre i rimedi Australiani in Australia. Il continente australiano è per lo più un continente vergine, caratterizzato da una natura selvaggia e incontaminata. A differenza dell’Europa, in cui storicamente si sono susseguite guerre e battaglie per centinaia (se non migliaia) di anni, l’Australia è un continente giovane con circa 200 anni di storia e il suo essere incontaminato gli permette di sprigionare una grandissima energia vitale. Chi è stato in Australia (me compresa) sicuramente avrò potuto sperimentare la forza che arriva dalla natura e dalla vastità degli oceani da cui essa è circondata. Questo è il motivo per cui i fiori Australiani agiscono più velocemente dei fiori di Bach, con un risvolto anche a livello psicosomatico.

3) I tempi di azione

In base alle differenze che abbiamo visto, posso assicurarti che i fiori Australiani agiscono molto più velocemente dei fiori di Bach. Il fiore di Bach è un fiore che lavora molto in profondità e che porta a galla una sorta di “crisi di consapevolezza” con cui bisogna fare i conti. I fiori Australiani invece hanno un effetto più veloce e un’azione più “dolce” del Bach, che possiamo paragonare a una carezza. Inoltre, questi hanno un risvolto più immediato anche a livello psicosomatico, in cui è possibile notare la riduzione dei sintomi fisici. Questo viene riscontrato in modo immediato soprattutto nei bambini, che, privi di sovrastrutture mentali, reagiscono ottimamente all’uso della floriterapia risolvendo sintomi fisici e disagi emozionali.

4) Le combinazioni di essenze floreali

Con la diffusione dei fiori di Bach alcune aziende hanno preparato delle sinergie di fiori affinché si possa scegliere con più facilità il combinato adatto alla problematica. Ian White ha pensato a quest’aspetto sin da subito, creando 21 combinati per affrontare dei periodi di cambiamento. Essendo l’ideatore dei fiori Australiani, Ian White ha studiato ciascuna combinazione per essere usata con facilità. Inoltre Ian White fa un lavoro continuo, testimoniato dai 4 nuovi combinati disponibili da Settembre 2017, che riguardano tematiche per le dipendenze, il rapporto con il cibo, le problematiche di pelle e l’accudimento (quest’ultima riguarda non solo chi si occupa dei propri familiari ma più in generale tutte le figure di aiuto).

Quali utilizzare?

Le 4 differenze di cui ho parlato in questo articolo non devono portare a pensare -erroneamente- che i fiori di Bach siano meno efficaci dei fiori Australiani. Non c’è un effetto migliore o peggiore, ma semplicemente un effetto diverso. Il floriterapeuta esperto è in grado di suggerire i fiori più utili alla persona che a lui/lei si rivolge.

Hai bisogno di aiuto nella scelta?

All’inizio è difficile orientarsi nella scelta delle essenze floreali più adatte a te. Se hai bisogno di una mano, puoi leggere qui il tipo di consulenza che offro per il mese di Agosto a un prezzo speciale!

Buone vacanze!

Per approfondire:

• Il mio articolo sul blog: Ian White ci insegna benessere, gioia e abbondanza

• La mia intervista su Ian White: Australian Bush Fower Essences, Veronica Pacella ci spiega Ian White

• La mia intervista sulle essenze floreali australiane: L’essenza umana e le essenze florali di Ian White

(fonte immagine)

You Might Also Like...

Vuoi ritrovare il tuo benessere e non sai da dove cominciare?

Lasciati guidare alla scoperta di un benessere olistico che abbraccia corpo, mente, emozioni e spirito. Iscrivendoti alla newsletter puoi prenotare subito una consulenza gratuita di 20 minuti con me e ricevere ogni mese consigli su cibo, benessere e spiritualità!