Benessere & Nutrizione

Quando il giornalismo disinforma sui detox

1

Nel tentativo di fare informazione, questo articolo si è trasformato in disinformazione per più di un motivo. A partire dallo studio dell’Università di Harvard citato dal pezzo ma a cui è impossibile risalire perché manca del tutto ogni riferimento alla fonte o agli autori.

Chiarezza:

Così provo a fare un po’ di chiarezza, perché questo è un tema che mi riguarda da vicino: i “cleanse” citati nell’articolo non solo li ho studiati a lungo come succhi detox – grazie alla letteratura scientifica – ma li ho anche formulati con la massima attenzione per Depuravita. Qui di seguito riporto punto per punto tutto l’articolo del Corriere della Sera e provo a correggere il vuoto informativo.

3

Punto 1:

di quali “cleanse” parliamo? Di beveroni ottenuti con buste da sciogliere in acqua dalla discutibile qualità degli ingredienti o di “cleanse” a base di frutta e verdura? Probabilmente ci si riferisce al secondo tipo, ma il dubbio un po’ rimane…

4

Punto 2:

le tossine e i cataboliti prodotti dall’organismo sono reali e le ultime tre sostanze menzionate come causa di intossicazione (cioè  alcol, farmaci e veleni) rappresentano i casi più estremi. Prima di questi ci sono molecole che vengono prodotte da stress, inquinamento, cattiva alimentazione, intolleranze e allergie solo per citare alcune cause. Si tratta di molecole raggruppate sotto la parola “tossine” che causano fenomeni di ossidazione dell’organismo e che portano, nel tempo, all’“invecchiamento precoce”. Oggi la medicina usa il termine “inflammaging” per sottolineare come l’infiammazione dell’organismo e la produzione di radicali liberi porti all’invecchiamento cellulare precoce. Che a sua volta determina un aumento di disturbi e malattie. 

5

Punto 3:

reni e fegato svolgono il lavoro finale, ma il processo di pulizia inizia molto prima. La Medicina Funzionale si occupa da tempo dell’importanza della matrice extracellulare, quella sostanza cioè in cui sono immerse tutte le cellule del nostro corpo. Quando le cellule producono cataboliti (scorie), questi vanno nella matrice da cui dovranno poi essere veicolati verso reni, fegato e sistema linfatico per essere smaltiti. Quando non succede, la matrice “si sporca” e l’organismo trattiene acqua per tentare di diluire le “tossine” (da qui il gonfiore e la ritenzione idrica che si avvertono quando ci si sente “intossicati”). Inoltre, quando la matrice si intasa, le cellule non riescono più a buttare fuori la loro “spazzatura”. Sono costrette a tenerla al loro interno, con il risultato di morte cellulare. Questi graduali fenomeni di intossicazione sono studiati da vari filoni come appunto la Medicina Funzionale Regolatoria, ma anche l’Omotossicologia e l’Igienismo.

Tutti i sintomi citati dalla giornalista nella parte evidenziata qui sopra rappresentano un iniziale stato disfunzionale che, se non risolto, porta ad una alterazione dei tessuti. E nel tempo  si trasforma in patologia.

Di quali tipi di succhi stiamo parlando ancora non è chiaro, ma nel dubbio sottolineo che sono proprio i succhi a fare la differenza. I succhi estratti da frutta e verdura fresche e di stagione sono ricchi di sali minerali, vitamine e fito-nutrienti ad alto potere antiossidante. Queste sostanze sono introdotte in minima parte a causa della moderna alimentazione basata su alimenti confezionati e su scarse porzioni di frutta e verdura. Sono però sostanze chiave a livello biochimico poiché riescono a fornire i nutrienti essenziali per avviare e favorire le reazioni di depurazione dell’organismo. Oltre ad un benessere generale, la sensazione di fame diminuisce drasticamente (a meno che non sia una fame emotiva). La persona perde più facilmente liquidi proprio perché l’organismo, avviando con maggiore facilità le reazioni depurative, riesce a smaltire più velocemente le tossine e i liquidi che erano trattenuti nel corpo a causa di queste ultime.

6

Punto 4:

Se stiamo parlando di succhi a base di frutta e verdura,  questa affermazione è assolutamente  sbagliata. Al loro interno concentrano così tanti nutrienti che il discorso delle calorie (superato da tempo ormai) non regge proprio. Nel caso dei succhi, l’organismo (che, voglio ricordare, non è stupido) è in grado di riconoscere l’alto valore nutrizionale  di tutto cioè che gli arriva (al di là delle calorie). Di impiegarlo poi nei suoi processi riparativi e depurativi, perdendo i liquidi in eccesso che gli servivano per diluire le tossine.

Punto 5:

Chi dice che i succhi fanno dimagrire in fretta? Di quali succhi stiamo parlando? Ancora non è chiaro e, a dirla tutta, ci sono succhi e succhi. Quelli a base di frutta e verdura possono subire l’HPP (High Pressure Processing), che è un processo di pastorizzazione a freddo che abbatte la carica batterica. In questo modo allunga la conservazione del succo fino ad un mese, ma diminuendo le sue proprietà nutrizionali anche se fresco. Niente a che vedere quindi con i succhi spremuti a freddo e consumati entro poche ore.

7

Punto 6:

come già detto nel punto 3, i succhi sono ricchi di nutrienti come sali minerali, vitamine e antiossidanti e in misura minore di carboidrati, proteine e acidi grassi, nutrienti invece che compongono la maggior parte della nostra alimentazione. Succhi a base di frutta e verdura sono alcalinizzanti, vanno cioè a bilanciare il pH tissutale, e contengono le fibre idrosolubili che vanno a nutrire la flora batterica intestinale. 

8

Punto 7:

come già detto nel punto 3 e 6, succhi a base di frutta e verdura non solo nutrono la flora batterica intestinale ma grazie ai numerosi fito-nutrienti sono in grado di lenire l’intestino qualora questo sia infiammato da un’alimentazione raffinata o da intolleranze/allergie alimentari.

Alla fine di questo articolo i miei dubbi non solo non vengono chiariti ma aumentano, non riesco a capire di quali succhi si parla e non capisco il perché di tanto allarmismo. Oltre la ricerca però, io consiglio sempre di chiedere alle persone, che non sono solo numeri ma sono persone che vivono la quotidianità scegliendo di stare bene e informandosi da fonti che ritengono affidabili.

Concludo allegando una serie di articoli scientifici – tutti verificabili e con fonte menzionata, a differenza dell’articolo comparso sul Corriere – più interessanti circa l’impiego di succhi estratti a base di frutta e verdura. Sui “beveroni” di altro tipo e natura non mi pronuncio.

Articoli scientifici utili

Detossificazione e perdita di peso:

Detoxification in Naturopathic Medicine: A Survey

The Alkaline Diet: Is There Evidence That an Alkaline pH Diet Benefits Health?

Effects of one week juice fasting on lipid metabolism: a cohort study in healthy subjects

Impiego dei succhi in alcuni disturbi:

Effect of beetroot juice on lowering blood pressure in free-living, disease-free adults: a randomized, placebo-controlled trial

Beta-Carotene, carotenoids and the prevention of coronary heart disease

LDL-cholesterol-lowering effect of a mixed green vegetable and fruit beverage containing broccoli and cabbage in hypercholesterolemic subjects

Fruit and Vegetable Juices and Alzheimer’s Disease: The Kame Project

Effetto dei fitonutrienti su alcuni disturbi:

Intake of fruit and vegetables: implications for bone health

The beneficial effects of fruit polyphenols on brain aging

Ciao!

Home Page. Foto di Ludovica Arcero.

Sono Veronica Pacella, nutrizionista e life coach. Nel mio lavoro ho capito che ognuno di noi è unico e che il benessere è il risultato del proprio equilibro fisico e interiore. Io ti accompagno a capire qual è l'alimentazione adatta a te, ad ascoltare il tuo corpo, le tue sensazioni e il tuo intuito. Per trovare il tuo modo di stare bene ed essere felice in quello che fai. Il mio approccio è olistico e unisce ad una solida preparazione scientifica una più ampia visione nel campo della crescita personale. Nella newsletter mensile ti racconto le mie esperienze e ti aggiorno su eventi, corsi e nuove risorse gratuite; su facebook e instagram quello che faccio nella mia quotidianità!

Previous Post Next Post

You Might Also Like

Rimaniamo in contatto?

Una volta al mese invio la newsletter per aggiornarti con consigli, novità e promozioni.  Iscrivendoti riceverai subito l'eBook "Felice e In Forma" con 5 consigli per stare bene da subito con se stessi e con il proprio corpo!