Benessere & Nutrizione

Lo Stress fa male davvero?

Che tu vinca alla lotteria o prenda un grande spavento, la risposta biochimica dell’organismo è la stessa e si chiama stress.

La parola stress è entrata a far parte del nostro vocabolario quotidiano e se ne parla moltissimo sia in campo psicologico che medico. Allo stress è attribuita infatti la causa di alcuni disturbi e/o patologie in cui non si riesce a formulare una diagnosi precisa.

Ma è davvero lo stress a fare male?

Lo stress è un segnale naturale che l’organismo adotta per segnalarci che qualcosa sta alterando il nostro equilibrio. Non fa distinzione quindi fra uno stress positivo o negativo perché l’effetto porta in entrambi i casi allo stesso risultato biochimico, che si traduce in due opzioni: stress acuto o stress cronico.

Sintomi e segnali dello stress

Il Dr. Selye fu uno dei primi a definire lo stress come “Sindrome Generale di Adattamento” (S.G.A) in risposta ad un fattore di stressogeno. La S.G.A comprende 4 fasi: allarme, resistenza, convalescenza, salute. Quando la curva dello stress da acuta diventa cronica, si rimane bloccati nella terza fase, quella della convalescenza, con l’esaurimento della capacità reattiva. Le sostanze nocive per l’organismo come acido lattico, acido cloridrico, colesterolo, radicali liberi, etc.. si accumulano nel corpo creando uno stato di acidosi o di infiammazione perché non riescono più ad essere metabolizzate. Compaiono poi segni più evidenti come pancia gonfia, aumento del peso, disbiosi intestinale, difficoltà digestive, problemi del sistema immunitario, stanchezza, difficoltà a riposare e ad alzarsi, mancanza di voglia nell’affrontare le giornate e molti altri. In risposta allo stress cronico viene prodotto  anche il Cortisolo, un ormone che fa ingrassare e che determina insulino-resistenza. Tutti questi segnali corrispondono alla spia rossa che si accende e indicano che siamo entrati in una fase di sofferenza in cui non riusciamo più a fronteggiare lo stress in modo efficace. 

Le soluzioni per lo stress

#1 – anche il naturale fa male!

Siamo bombardati dalla pubblicità di innumerevoli integratori che aiutano a ridurre lo stress, ma il più delle volte ne abusiamo. Un luogo comune che mi trovo spesso a dover contraddire quando si parla di un prodotto naturale è il pensiero: “è naturale e quindi male che va non mi fa niente”. No, ma proprio no! Il fatto di essere naturale non lo rende innocuo: che sia un nutraceutico, un fitoterapico o anche un omeopatico, è pieno ormai di casi in cui le persone sbagliano il dosaggio o prolungano il periodo di assunzione oltre i due mesi, portando l’organismo ad avere l’effetto opposto o altri tipi di disturbi che peggiorano i sintomi dello stress. Esempio: Ginseng, Echinacea o l’“innocuo” Magnesio che presi per un periodo di tempo oltre l’assunzione consigliata potrebbero portare ad effetti collaterali.

#2 – è necessario capire in quale fase dello stress ci si trova

Il rimedio, anche se naturale, deve sempre essere scelto basandosi sul punto in cui l’organismo è bloccato. Per questo motivo il dr. Hans Selye ha tracciato la curva dello stress con 4 fasi che coinvolgono diversi ormoni, citochine, alimenti e sali minerali. Per uscire dalla fase in cui ci si trova è necessario capire dove si è per fare il passo successivo, altrimenti i tempi di recupero o le fasi di “down” si allungano e non se ne esce.

#3 – bisogna ascoltarsi

Il Dr. Hans Selye ha scritto: “Quello che conta non è l’eliminazione dello stress, che sarebbe come eliminare la vita, ma la sua gestione, per la quale non c’è una formula di successo uguale per tutti, anche se la strada da seguire è uguale per tutti: vivere in armonia con le leggi della Natura, stabilendo il proprio personale ritmo di marcia.”

Che tradotto sarebbe: lo stress è un segnale naturale e comincia sempre da un punto della tua vita. Ascoltati, capisci quali sono i tuoi limiti, fai attenzione a quando il tuo corpo va in riserva e in quel momento prenditi il tempo per staccare, riposarti e ripartire. Questo significa essere al passo con il tuo ritmo di marcia e questo significa anche vivere con consapevolezza il tuo corpo e la tua vita.

Ciao!

Home Page. Foto di Ludovica Arcero.

Mi chiamo Veronica e sono una Nutrizionista e Life Coach. Inguaribile curiosa, dopo l'università ho girato in lungo e in largo per seguire corsi di aggiornamento ma solo da poco ho deciso di dare vita ad un mio blog, perché credo che condividere le proprie conoscenze sia un modo per crescere insieme. Se pensi che quello che scrivo sia utile inoltra questo articolo alle persone che ti stanno a cuore! Puoi ricevere consigli extra iscrivendoti alla Newsletter mensile e sbirciare quello che faccio nella mia quotidianità su Facebook e Instagram!

Previous Post Next Post

You Might Also Like