fbpx
Dott.ssa Veronica Pacella
gluten free moda
Benessere & Nutrizione

Perché il gluten free non è una moda: la storia di Veronica, avvocato dalla parte dei consumatori

Oggi ti spiego perché il gluten free non è una moda. Nei miei dieci anni di professione non ho mai raccontato la storia di nessun paziente, perché ho sempre pensato fosse una cosa privata e personale. Nel tempo, qualcuno ha voluto lasciarmi un testimonial nel sito e ne sono stata felice. Ultimamente però sono sempre di più le persone che si offrono di condividere le loro storie da cui nascono delle belle iniziative. In questo articolo racconto di Veronica. 

Veronica è un avvocato, si occupa di food e per lei la cosa più importante è informare e tutelare i consumatori.

Veronica ComitoE’ arrivata da me perché si sentiva sempre appesantita dopo i pasti e non riusciva più a capire come organizzare la sua alimentazione. Durante la visita, mi rendo conto che la sua digestione è molto lenta e che, probabilmente, solo con l’alimentazione non ce l’avrei fatta. Perché la digestione è un sistema complesso in cui organi diversi lavorano in sinergia. Quasi sempre, in questi casi, all’inizio bisogna dare un sostegno con dei nutraceutici che vadano a supporto della digestione.

Quando il gluten free non è una moda ma una possibilità

In genere, prima di consigliare un integratore, do una chance al corpo.

Il nostro organismo infatti si auto-regola e dandogli l’input giusto è lui stesso a rimettersi in equilibrio.

E così ho fatto con Veronica: ho creato per lei uno schema nutrizionale utilizzando le proprietà dei cibi ed escludendo quelli con glutine e latticini, per una serie di motivi. Le ho chiesto osservare se la digestione sarebbe ripartita spontaneamente, dicendole di aggiornarci per un feedback dopo una settimana dal cambio di alimentazione. Le ho consigliato anche, e soprattutto, di ascoltarsi. Sì al pasto libero, nessun dramma nel caso di uno “sgarro” ma solo ascolto e osservazione di come si sarebbe sentita dopo.

Veronica si è sentita meglio in breve tempo e ha preso spunto dalla sua esperienza per iniziare un viaggio nel #senzaglutine e #senzalatticini dalla parte dei consumatori. Veronica infatti è un avvocato e si occupa di diritto civile, con un’attenzione particolare al diritto dei consumatori. Cioè delle regole che si applicano a tutti quei rapporti giuridici in cui c’è un contraente forte (normalmente un produttore/professionista) ed un contraente debole, una persona comune come tutti noi che ha, quindi, bisogno di essere maggiormente tutelata.

L’iniziativa di Veronica sul gluten free utile per tutti noi consumatori

Ho chiesto a Veronica di parlarmi meglio del suo progetto, perché sono sicura che sia utile anche a noi consumatori, che con le nostre piccole scelte quotidiane possiamo fare una grande differenza. Ecco cosa dice a proposito: 

La chiave per una tutela del consumatore efficace, infatti, è la consapevolezza delle proprie scelte di consumo. E non ci può essere consapevolezza senza un’informazione adeguata, sia sulla natura dei beni e dei servizi che utilizziamo ogni giorno, sia sugli strumenti legali per tutelarci se qualcosa non funziona.
Questo è della massima importanza soprattutto quando si tratta di cibo, il bene più strettamente collegato alla nostra sussistenza ed alla nostra salute. L’ho capito non solo grazie al mio lavoro, ma anche grazie al più grande insegnamento di cui tutti disponiamo: l’ascolto della mia esperienza diretta e del mio corpo. Che con le sue reazioni allergiche mi ha spesso fatto capire che era ora di cambiare qualcosa.

Per tradurre in pratica questa idea, il 23 febbraio del 2019 ho dato vita a Foodlegalnews.com, blog e pagina Facebook, in cui mi occupo di legislazione e istituzioni che hanno a che fare col sistema del cibo. Sempre dal 2019 con un collega avvocato conduco “Totem per un consumo consapevole” sulle web frequenze di Radio Stella Piemonte, avendo sempre un occhio di riguardo ai temi legati al consumo di cibo ed alle filiere alimentari.

Perciò, quando grazie al lavoro di Veronica Pacella ho scoperto una sensibilità a glutine e latticini, mi è venuto naturale pensare di approfondire ancora di più il tema ed è nata l’iniziativa di un vero e proprio viaggio estivo #senzaglutine e #senzalatte. Cercherò di chiarire quali sono le differenze tra celiachia, allergia ed intolleranza, usando l’ottica della legge. Questa impone obblighi informativi e attenzioni precise per chi produce e somministra alimenti che contengono glutine e latte. Alimenti che, quindi, possono causare reazioni avverse nel corpo di alcuni consumatori.

Lo farò nel modo più semplice che mi è venuto in mente, cioè partendo dalla mia esperienza diretta. Racconterò parte della mia estate, in Liguria nella terra famosa per la focaccia col cappuccino a colazione. Cercherò alternative e informazioni utili per un’alimentazione #senzaglutine e #senzalatte. Così da raccontare, col mio stesso esempio, che il diritto, anche se sembra complicato, è un pezzo della nostra quotidianità con cui possiamo prendere confidenza. Il diritto infatti ci può aiutare a stare davvero meglio e gestire meglio anche quegli aspetti di noi che sembrano debolezze e difficoltà, ma dietro le quali si cela un mondo di opportunità che ci rendono unici.”

I contatti di Veronica per seguirla in questa iniziativa attraverso il suo sito e i suoi canali social: 

Photo by Jude Infantini on Unsplash

You Might Also Like...